ATTENZIONE: stai consultando la versione GRATUITA della Bancadati. Per accedere alla versione completa abbonati subito

Legislazione Regionale

Struttura
  • PROVVEDIMENTO

    • Testo vigente
    • EPIGRAFE

      Ulteriori modificazioni ed integrazioni delle leggi regionali 21 ottobre 1981, n. 69 (Norme sul sistema formativo regionale) e 23 marzo 1995, n. 12 (Agevolazioni per favorire l’occupazione giovanile con il sostegno di nuove iniziative...

      Contenuto riservato agli abbonati
      Fai LOGIN o ABBONATI per accedere al contenuto completo


    • ARTICOLO N.1

      (Sostituzione dell’articolo 13 della legge regionale 21 ottobre 1981, n. 69)[1]


    • 1. L’articolo 13 della legge regionale 21 ottobre 1981, n. 69 (Norme sul sistema formativo regionale) è sostituito dal seguente:

      “Art. 13

      (Esperienze di formazione in contesto lavorativo - Tirocini)

      1. La Regione promuove tirocini rivolti a coloro che hanno assolto l’obbligo di istruzione ai sensi della normativa vigente. Per tirocinio si intende qualsiasi esperienza di formazione, anche diversamente denominata, svolta nell’ambito di un contesto lavorativo presso soggetti pubblici o privati che non si configura come rapporto di lavoro.

      2. I tirocini si distinguono in:

      a) curriculari: esperienze previste all’interno di percorsi formali di istruzione o formazione;

      b) extracurriculari: esperienze di formazione in situazione di lavoro finalizzate all’orientamento delle scelte occupazionali.

      3. La Giunta regionale, al fine di migliorare la qualità dei tirocini e contrastare l’uso distorto degli stessi, definisce con proprio atto, nel rispetto delle Linee guida in materia di tirocini adottate ai sensi dell’articolo 1, comma 34 della legge 28 giugno 2012, n. 92 (Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita), i criteri e le modalità per l’attuazione dei tirocini extracurriculari, stabilendo in particolare:

      a) la durata dei tirocini anche in relazione alle specificità del tirocinante;

      b) le modalità di attestazione dell’attività svolta e delle competenze acquisite;

      c) i requisiti che i soggetti pubblici e privati, promotori e attuatori dei tirocini, devono possedere al fine di fornire idonee garanzie di qualità;

      d) un sistema di monitoraggio e valutazione dei tirocini per favorire la costruzione di percorsi...

      Contenuto riservato agli abbonati
      Fai LOGIN o ABBONATI per accedere al contenuto completo

    Non sono presenti correlazioni

    please wait

    Caricamento in corso...

    please wait

    Caricamento in corso...